giovedì 13 novembre 2014

L'ufficio per chi lavora da casa

home offfice
Meg Braff Designs

Per chi lavora da casa, è importante avere uno spazio dedicato esclusivamente alla propria professione.

Quando si lavora a domicilio, si ha la tendenza a lasciarsi andare, a rilassarsi, a volte un po' troppo, e a mescolare il lavoro con gli altri aspetti della vita. In realtà questo non va bene: meglio imporsi degli orari e riservarsi degli spazi per poter lavorare con efficienza quando è il momento di lavorare e per gestire bene e senza pensieri il resto della giornata.

Anche se vivete in un piccolo appartamento, cercate di ricavarvi uno spazio solo vostro che abbia le caratteristiche che più vi consentono di concentrarvi. Tali caratteristiche sono soggettive e variano da persona a persona. Io, per esempio, amo lavorare in un ambiente luminoso, senza luci artificiali, rilassante, pulito e ordinato. Al contrario, c'è chi lavora meglio in penombra o in uno studio pieno di scartoffie.

Se abitate con altre persone, scegliete di collocare la postazione di lavoro in una zona un po' isolata dell'abitazione, in una stanza chiusa o magari soltanto lontano dalla TV o comunque in un luogo che vi permetta di concentrarvi.

lavoro creativo a domicilio
ufficio casa





















Ora che avete trovato la collocazione del vostro ufficio a domicilio, abbellitelo con qualche decorazione che lo renda più piacevole e, soprattutto, dotatelo di tutti gli accessori e gli strumenti che vi servono per svolgere la vostra attività.

Per chi, come me, lavora prevalentemente con PC e Internet, possono bastare un tavolo, un paio di cassetti e magari due mensole per riporre libri, guide, dizionari, cartellette con vari documenti stampati. Al contrario, chi per esempio svolge attività artistiche o artigianali avrà bisogno di molti più oggetti e, di conseguenza, anche di più spazio a disposizione.

Ah, dimenticavo, se rimanete tanto tempo seduti, scegliete una sedia comoda, che vi consenta di mantenere una postura corretta e di risparmiarvi mal di schiena e altri disturbi. Provatene di diversi modelli e materiali, imbottiti o meno, con o senza rotelle: anche in questo caso, la scelta è soggettiva e il segreto per trovare la sedia perfetta è provarne tante.

Nessun commento:

Posta un commento